Mistero Maya: itinerario di viaggio nello Yucatan

mappa yucatan

Sebbene a me piacciono molto i viaggi on the road ed un po’ all’avventura, dove ogni giorno posso liberamente organizzarmi e vedere in tutta libertà quello che mi pare e piace, questa volta ho deciso di affidarmi ad un tour organizzato da un noto tour operator, dal titolo Mistero Maya. I motivi di tale scelta sono fondamentalmente 2: per prima cosa avventurarsi in Messico da soli non è consigliabilissimo, a meno che non si sappia bene quello che si fa; e poi è pur sempre un viaggio di nozze e sinceramente tra tutte le cose a cui abbiamo dovuto pensare, il viaggio ha sempre rappresentato un momento di relax.
Abbiamo comunque scelto un tour bello impegnativo,  tutto in pullman (anche se definirlo pullman è una parola grossa), ogni giorno un hotel diverso, ogni giorno sveglia alle 6 del mattino, ogni giorno camminare e camminare. Stancante, ricco ed appagante. Ma cosa si può desiderare di più dalla vita?

Ecco il nostro itinerario

1° giorno: Palermo-Roma; Roma New York; New York-Cancun;

2° giorno: Cancun;

3° giorno: Cancun; Chichen Itza; Merida;

4° giorno: Merida, Uxmal; Campeche;

5° giorno: Campeche; Palenque;

6° giorno: Palenque; Yaxchilen; Flores;

7° giorno: Flores; Altun Ha; Belize City;

8° giorno: Belize City; Kohunlich;

9° giorno: Kohunlich; Cancun

Alla fine del tour ci siamo concessi 4 giorni di relax e mare sulla riviera Maya. Ci volevano, anche se abituati ai ritmi del tour ci siamo un po’ annoiati. Dopotutto il viaggio è scoperta e avventura. Il relax lo si può fare anche a casa!

Attrezzatura fotografica

Quando ho affrontato questo viaggio, nel lontano 2009, io ero in possesso di una Canon EOS 400D, alla quale abbinavo il mediocre Canon EF 18-55 ed il discreto Canon EF 55-250. Erano altri tempi, ancora scattavo in JPG ed il mio occhio fotografico era ancora poco esigente e attento a particolari che oggi invece per me sono imprescindibili. Comunque se dovessi tornare oggi mi porterei indubbiamente:

  • Grandangolo per riprese panoramiche, ottimo sicuramente per riprendere i siti archeologici nella loro interezza;
  • Teleobiettivo, possibilmente oltre 300mm, per riprendere la moltitudine di animali presenti, come gli uccelli, le scimmie, i coccodrilli ecc..
  • Zoom medio-tele per tutte le altre riprese.
  • Se vi piacciono le lunghe esposizioni allora non dimenticate a casa treppiede, telecomando e qualche filtro.

Leggi tutti gli altri articoli del tour

3 Comments

  1. Pingback: Tour penisola dello Yucatan | Soulwoman Photo

  2. Buongiorno,
    questa estate io e il mio ragazzo voremmo fare esattamente lo stesso tour, lo organizzeremo noi stessi e quindi i diari di viaggio come il tuo ci sono molto utili e per questo come prima cosa ti ringrazio 🙂 ora però mi chiedevo, trovo il diario di viaggio solo fino alla quarta tappa..sulla parte direzione Guatemala, Guatemala, Belize ecc non hai nulla?
    grazie mille,
    claudia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.