Recensione Canon EF 70-200 F4 L USM

Si, lo ammetto, il Canon EF 70-200 F4L USM è uno dei miei obiettivi preferiti, la mia prima scelta per certi generi fotografici. E pensare che all’inizio non volevo prenderlo!

Possiedo questo obiettivo da oramai 2 anni, preso dopo mille dubbi, tentennamenti ed ovviamente infiniti calcoli di budget. Mi serviva un teleobiettivo per foto di spettacoli e sportive. Abbandonata l’idea del 2.8 IS, puntavo quindi alla versione F4 sempre IS, che comunque costava più di € 1000.
Poi un giorno un fotografo mi consigliò di valutare la versione F4 non stabilizzata, che io avevo scartato a priori perché pensavo che senza stabilizzatore mi sarebbe stato davvero difficile riuscire a fotografare. Facendo un ragionamento mi sono detta che per l’utilizzo che ne volevo fare, i miei soggetti sono sempre in movimento e quindi dello stabilizzatore me ne facevo poco e niente. Alla fine mi sono decisa, ho preso il 70-200 F4 liscio e con una spesa attorno agli € 500 mi sono porta a casa un vero gioiello. Non lo nego, è stato un vero affare! Ogni tanto mi passa per la mente l’idea di sostituirlo con la versione 2.8, ma sinceramente non ho il coraggio di privarmi di questa splendida lente.

Descrizione

Il Canon EF 70-200 F4 L USM è un obiettivo tele zoom dalle altissime prestazioni,  di serie L.

Pro

  • Un’ottima qualità costruttiva.
  • L’apertura F4 è costante a tutte le focali
  • dimensioni e peso piuttosto contenute (pesa g. 700, contro i g. 1.300 della versione 2.8 IS) che lo rendono molto trasportabile e molto pratico nell’utilizzo. Difficile lasciarlo a casa!
  • Una nitidezza e qualità dell’immagine paragonabile ad obiettivi fissi . Anche a tutta apertura e alle focali estreme mantiene la stessa nitidezza, senza nessuna perdita di qualità. Di tutta la gamma 70-200 questo modello risulta essere il più nitido. Basti pensare che la versione 2.8, a tutta apertura, ha una nitidezza inferiore, e solo utilizzandolo ad F4 riesce a raggiungere le sue prestazioni.
  • Durante la messa a fuoco e lo zoom la lente anteriore non ruota e non fuoriesce. Questo quindi lo rende più impermeabile e più compatto, e facilita l’utilizzo di filtri polarizzatori o filtri gnd.
  • La messa a fuoco è velocissima, silenziosa  ed è molto precisa. Esiste la possibilità di regolare la distanza minima di messa a fuoco: mt 1,5 oppure mt 3. Questo lo rende molto prestante e molto affidabile.
  • Prestazioni eccellenti anche con un moltiplicatore. Con un moltiplicatore Canon 1.4 diventa un 98-280 con apertura minima F5.6. La qualità si mantiene altissima, la perdita di nitidezza non è neppure percepibile ad occhio umano! Con un moltiplicatore 2x diventa un 140-400, ma l’apertura massima diventa F8, quindi poco pratico. Sinceramente non ho avuto modo di usarlo e di verificarne la qualità.
Contro
  • E’ solo F4, quindi in alcuni casi potrebbe risultare poco luminoso.
  • Non è stabilizzato, ma spesso questo non è neppure un difetto!
  • Non è tropicalizzato.
  • Non mi viene in mente altro…

Scheda tecnica

Caratteristiche Ottiche
 Focale   70-200 mm
 Angolo di campo   34.3 – 12.3°
 Diaframma Max.   f/4
 Lamelle diaframma   8
 Lenti/Gruppi   16 elementi in 13 gruppi
 Min. distanza fuoco   1.20 metri
 Rapporto riproduzione   0.21x
Funzionalità
 Tipo di zoom   Ghiera, interno
 AF interno   Si
 Full Time MF   Si
Costruzione e note
 Anello treppiede   Si
 Moltiplicatori   Compatibile
 Diametro filtri   67 mm
 Paraluce   In dotazione
 Tropicalizzazione   No
 Peso   705 g
 Dimensioni   76 x 172 mm

Utilizzo

Grazie alle sue caratteristiche e versatilità questo obiettivo ha un ampio raggio di utilizzo.

Come detto precedentemente io lo uso spesso nei concerti. So che può sembrare un controsenso, visto che è solo F4 e, non essendo stabilizzato, alla massima focale non posso scattare sopra 1/200, tuttavia devo ammettere che questo raramente ha rappresentato un problema. I musicisti si muovono durante le loro esibizioni ed utilizzare tempi più lunghi mi porterebbe ad avere foto mosse. Se consideriamo che le recenti reflex puntano sempre più ad avere maggiori prestazioni anche ad alti iso, questo obiettivo risulta davvero adattissimo.
Certo parto avvantaggiata, visto che lo utilizzo con Canon 6D, tuttavia devo ammettere che anche con la Canon 50D non mi ha mai tradita!


Grazie alla messa a fuoco veloce è indicato per foto sportive; grazie alla nitidezza e al piacevole sfuocato è indicato per i ritratti. Montato su treppiede tramite anello adattatore lo si può utilizzare tranquillamente anche per paesaggi. Ed essendo così leggero è molto utile nei reportage. Insomma, lo si può usare per tutto ed è veramente difficile lasciarlo a casa!

Conclusioni

Se cercate un teleobiettivo dalle altissime prestazioni, versatile, poco ingombrante e che non vi svuoti il conto in banca, questo  Canon EF 70-200 F4 L USM fa assolutamente al caso vostro. Sicuramente il miglior obiettivo con il più alto rapporto qualità/prezzo. A volte mi chiedo come sia possibile che una lente di tale entità costi così relativamente poco.

12 Comments

  1. considerando che anch’io uso la 6d e la fantastica 50d posso ammettere che è fantastico, ero un po diffidente possedendo gia il vecchio 100/400 4,5-5,6 ma ho dovuto ricredermi, luminosissimo e colori fantastici, okkey!!

  2. Pingback: Corredo fotografico professionale ed economico | Giusy Vaccaro

  3. Pingback: Al concerto di Max Gazzé | Giusy Vaccaro

  4. Approfitto di questa bellissima recensione per chiedere un consiglio, se confrontato con il 70-300 is usm 4-5.6 vale sempre la pena sciegliere il 70-200 oppure i tre stop guadagnati con la stabilizzazione fanno preferire il fratellino minore? Grazie.

  5. Ciao Giusy io mi chiamo Roberto, i primi di agosto ho preso un Tamron 70-300 vc usd attirato dal prezzo dell’usato, 200 euro, avendo una 6d non mi sono preoccupato per la luminosità dati gli iso della mia macchina. Insomma proprio l’altro ieri l’ho rivenduto perché, a parte i colori del Tamron che non reggono neppure lontanamente il confronto con il mio attuale 24-105 f4 L Is, anche la nitidezza è stata deludente, nettamente al disotto delle aspettative, neppure paragonabile al 24-105 se pur sono due obiettivi differenti ma da 70 a 105 i confronti li ho fatti e sono quasi imbarazzanti.Io mi chiedo se quelli che consigliano il Tamron hanno mai provato un serie L Canon, credo di no. Ora mi trovo in una situazione in cui sono combattuto tra un 70-200 Is o non IS, io ho scelto per il liscio ma avendo visto gli usati che sono praticamente quasi tutti vecchi di almeno 6/7 anni, credo che aspetterò un’offerta da Amazon e lo prenderò nuovo.Io amo i ritratti e paesaggi, stop e pare che il 70-200 con la 6d sarebbe come il cacio sui maccheroni. Tu che dici?L’usato è da scartare?Ho visto che molti hanno problemi gravi di messa a fuoco, molti li comprano usati e neppure si accorgono di questo gravissimo problema. Alcuni appena si accorgono di alcuni primi problemi di messa a fuoco li rivendono a scapito del povero inesperto che non lo sa e lo acquista, allora anche 400 euro per un usato è quasi un furto. Mi puoi dare un consiglio in base alla tua esperienza?Non so che fare, meglio un nuovo?Ciao e grazie.

    1. Ciao Roberto, non sapevo di questo problema su alcune copie usate. Io a suo tempo l’ho preso nuovo ad un prezzo che è veramente stato un affare e non mi separerei mai da questo obiettivo. Comunque considera che c’è gente un pochettino esagerata che si fissa su cose che probabilmente non sono neppure problemi e magari enfatizza molto la cosa.
      Quello che ti posso dire è che se lo devi prendere usato fallo solo di presenza, in modo da poterlo provare e verificare di persona che è tutto ok. Oppure lo prendi nuovo magari aspettando qualche offerta, e se hai problemi hai comunque la garanzia e sei coperto.
      Fammi sapere cosa decidi 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.