World Festival on the beach Mondello

Wordl Festival Mondello

Puntuale come ogni anno è arrivato il consueto appuntamento con il World Festival, una manifestazione sportiva che si svolge nella splendida spiaggia di Mondello e che vede protagonisti gli sport acquatici e da spiaggia, come il windsurf, il kitesurf, i catamarani, il beach volley e tanto altro ancora. Quella che si è appena conclusa (dal 14 al 20 maggio 2012) era la 27esima edizione, tuttavia per me è diventato un appuntamento irrinunciabile solo da qualche anno, spinta anche dalla possibilità di scattare qualche bella foto di carattere sportivo e non.
Riuscire a descrivere il World Festival a parole è praticamente impossibile. Una esplosione di colori: quelli del mare e del cielo che si tingono di un azzurro intenso; quelli delle vele dei windsurf e dei kitesurf che si stendono sulla spiaggia in attesa di fare il loro ingresso in acqua; quelli della gente che si stende a prendere il sole o si tuffa per fare il bagno. Più che un anticipo di estate il World Festival sancisce proprio l’inizio della bella stagione.

Quest’anno la presenza di fotografi, professionisti e semplici appassionati, è stata piuttosto massiccia, invogliati un po’ dal photocontest che viene organizzato tutti gli anni, un po’ dai vari raduni di gruppi fotografici, un po’ dalla semplice passione.

Noi siamo arrivati sul posto alle 9,30 del mattino, di sabato 19 maggio, quando ancora regnava la calma quasi assoluta. Sulla spiaggia decine e decine di vele adagiate, pochissimi atleti e pochissima gente. C’erano solo fotografi scalpitanti a caccia di soggetti interessanti, che per fortuna sono arrivati di lì a poco.

7232015094_c384744b53_b

E’ stata una giornata strana quella di sabato, che ha visto alternarsi diverse emozioni. Da un lato ero piuttosto soddisfatta di avere finalmente a disposizione una attrezzatura un po’ più adeguata a questo genere di fotografia: il Canon EF 70-200 F4 L USM ed il moltiplicatore Canon 1,4 III mi hanno consentito di fotografare parecchi soggetti con la certezza di potere contare su una qualità dell’immagine eccezionale.  Alcune foto mi hanno stupita per la nitidezza, la messa a fuoco, la precisione. Roba mai vista prima! Ero come un bambino di fronte ad una montagna di caramelle. E potete dire quello che volete, che l’attrezzatura conta relativamente, che tutto dipende dalla bravura del fotografo, e via discorrendo (questo è assolutamente vero, perché ho visto foto scattate con macchine giocattolo che sono dei capolavori), ma su alcuni settori la qualità è indispensabile, a meno che non si voglia puntare sulla ricerca fotografica. Ed io che sono vittima della ricerca della perfezione assoluta che molto probabilmente non raggiungerò mai, non posso rimanere impassibile di fronte a certe cose.

7232023032_2aa68cdbd2_b

Avevo anche un grandangolare, il Sigma 10-20, che mi ha permesso di fare qualche panoramica interessante, mettendo in risalto la splendida luce ed i magnifici colori che la giornata di sabato ci ha voluto concedere.

Insomma tutto era perfetto, per la prima volta da quando vado al World Festival mi sentivo soddisfatta e quasi mi rammaricavo di essere riuscita ad andare solo un giorno e di non avere potuto seguire tutte le fasi della manifestazione.

Poi però è arrivata la notizia dell’attentato a Brindisi e questo ha fatto scendere un velo di tristezza e sconcerto su tutta la spiaggia. Tutto questo mentre sventolava la bandiera con la foto di Falcone e Borsellino. Sono tante le cose che vorrei dire ma non è questo il contesto più adatto, e quindi mi esimerò dal dire altro. Aggiungo solo che non si respirava la stessa atmosfera gioiosa e festosa che ha contraddistinto tutte le altre edizioni a cui ho partecipato.

Ecco comunque la mia fotogallery della giornata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.