Le mie foto al Castellammare Jazz Festival

La settimana che si è appena conclusa è stata sicuramente tra le più emozionanti ed appaganti degli ultimi tempi: 6 concerti in 3 serate, tanti artisti bravissimi e di fama internazionale conosciuti e fotografati, una location incantevole … e poco importa se ogni sera abbiamo fatto le 3 di notte ed il giorno dopo, alle 7 del mattino  eravamo già pronti per affrontare una nuova giornata di lavoro.

Questo è il mio bilancio personale del Castellammare Jazz Festival 2012, uno dei festival più rappresentativi del panorama jazzistico mondiale, che si è svolto nella città di Castellammare del Golfo (TP) dal 15 al 21 luglio, con la formula dei 2 concerti a serata.

Mi sarebbe piaciuto davvero tantissimo potere seguire tutte le serate, ma per questioni di tempo non è stato possibile e mi sono dovuta “accontentare” . Il mio interesse principale, oltre ovviamente alla possibilità di ascoltare buona musica, era fondamentalmente quello di fare degli scatti interessanti durante le esibizioni degli artisti.

Il mio corredo fotografico forse non è tra i più adatti a questo genere di fotografia, ma non è neppure tanto male:

  • La mia sempre infallibile ed affidabile Canon EOS 50D;
  • Il sempre utile e versatile Canon EF 24-105 F4 L, che con il suo stabilizzatore mi ha salvato da parecchie situazioni difficili;
  • Il meraviglioso Canon EF 70-700 F4 L, non stabilizzato, ma nitidissimo, eccezionale;
  • 2 obiettivi fissi, molto luminosi, come il Canon EF 85mm F1.8 ed il Canon EF 50mm F1.4

L’illuminazione era discreta anche se distribuita in modo non omogeneo. Gli artisti in primo piano erano perfettamente illuminati, riuscivo a scattare ad iso 400 e a 1/250; gli artisti in secondo piano invece erano un po’ troppo nascosti, spesso ho dovuto fotografare ad 800 o addirittura a 1600 iso. Fortemente penalizzato è stato il bilanciamento del bianco, a causa di luci miste con colorazioni differenti, che spesso hanno messo in crisi la macchina. Ma tutto risolvibilissimo in post produzione. Tutto sommato non mi posso lamentare, esistono situazioni ben peggiori come illuminazione!

Martedì 17 luglio si sono esibili sul palco prima Norma Winstone con Glauco Venier, e successivamente Joel Frahm/Lage Lund Qartet. Particolarmente emozionante è stato per me potere conoscere di persona, a fine serata, Norma Winstone e Glauco Venier, con i quali mi sono ritrovata ad un tavolino di un bar a bere birra e mangiare un gelato. La cortesia, la disponibilità, la gentilezza di queste persone mi ha emozionata non poco, mi sentivo così piccola di fronte a loro!

Mercoledì 18 luglio si sono esibiti prima Lino Costa con il suo trio e poi Aaron Goldberg con la sua band. A fine serata ho potuto finalmente parlare un po’  in pianista Aaron Goldberg, conosciuto lo scorso anno proprio in occasione della prima edizione del Castellammare Jazz Festival. In quella occasione avevo portato con me la macchina fotografica ma senza avere reali intenzioni di fare delle foto. Tuttavia l’atmosfera mi aveva ispirata e così ho fatto qualche scatto che ho poi spedito ad Aaron sperando di fargli cosa gradita. Lui è stato felicissimo del mio regalo, mi ha ringraziata ed ha persino fatto pubblicare una di queste foto nella locandina dell’edizione di quest’anno. E quando sono andata per salutarlo alla fine del concerto, lui si è ricordato di me, mi ha ringraziata e si è prestato per una foto ricordo.aaron goldberg

Non era previsto che andassi anche al concerto del 20 luglio, ma convinta dal mio amico Gianmichele alla fine ho dato un calcio alla stanchezza e sono andata ad assistere ad uno dei concerti più belli che abbia mai visto. Ha aperto la serata Francesco Guaiana e l’ha conclusa il grande Kurt Elling con la sua favolosa band. Kurt è un vero animale da palcoscenico: consapevole della sua bravura e delle sue straordinarie doti vocali, si può permettere di giocare sciorinando una incredibile raffica di espressioni facciali molto teatrali, o addirittura di saltellare, ballare e prendere in giro il pubblico. uno spettacolo nello spettacolo. Ed a fine serata aveva ancora la forza per qualche foto ricordo.

kurt elling

Presto on line le mie fotogallery.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.